back

La nostra storia

Per iniziativa di nove socie, Idealservice nasce come impresa di pulizie il 18 marzo 1953 con la ragione sociale "Manutenzioni Locali soc.coop".

ANNI 80

I primi appalti vennero stipulati con la società Sautec per i lavori di pulizia delle sale cinematografiche di Udine e successivamente con la Solari di Udine, dando il via ad un periodo di forte espansione.

La nomina a Presidente, nel 1980, di Antonietta Pevere, tutt'ora presente in Idealservice come Socio Onorario, segnò un'ulteriore crescita, dopo un periodo di crisi. Con la sua elezione alla massima carica, infatti, l'azienda registrò un notevole incremento dell'attività e venne stabilito un buon equilibrio economico-finanziario.

Nel 1981 la Cooperativa aderì all'Associazione Regionale delle Cooperative dei Servizi (ARCS), struttura che faceva riferimento alla Lega delle Cooperative del Friuli Venezia Giulia, scelta importante che segnò le strategie future della cooperativa.

Il 1983, infatti, fu l'anno della riorganizzazione aziendale: nella cooperativa entrarono professionisti preposti al ramo commerciale e a quello di coordinamento e si rilevò la necessità di un ampliamento dell'attività e della modifica dell'oggetto sociale ai fini di un maggiore inserimento nel mondo economico.

Il 18 settembre 1985 i trentacinque soci della Cooperativa Manutenzioni Locali, riunitisi in assemblea straordinaria presso la sede udinese della Lega delle Cooperative, approvarono la nuova ragione sociale che prese il nome di "Idealservice soc.coop.".

ANNI 90

Gli anni '90 vedono la vera crescita della cooperativa tramite la fusione di piccole cooperative e società, permettendo ad Idealservice di divenire un'azienda articolata e multisettoriale, in grado di offrire servizi integrati, quali le pulizie e i servizi ecologici ed industriali. Infatti, sulla base di progetti elaborati in ambito Legacoop FVG, Idealservice decise di diversificare l'attività nel settore dell'ecologia e precisamente nel comparto definito "nobile" delle raccolte differenziate e della selezione e recupero del materiale raccolto. Fin dall'inizio l'obiettivo principale fu quello di sensibilizzare le Amministrazioni Comunali della Regione FVG e di parte del Veneto affinché avviassero progetti di raccolta differenziata, soprattutto della plastica in quanto quest'ultima stava diventando oggetto di una legislazione che timidamente invitava i Comuni in tal senso.

È proprio in quegli anni che la cooperativa, spinta dalla propria visione aziendale, decise di realizzare a San Vito al Tagliamento il primo impianto in Italia di selezione delle bottiglie di plastica per conto del Replastic, consorzio nazionale promosso dall'ENI, con la finalità di recuperare i contenitori per liquidi in plastica immessi sul mercato dalle industrie produttrici di imballaggi e rientranti nei circuiti dei rifiuti urbani. Il Replastic era un consorzio volontario costituito dall'industria italiana della plastica in accordo con il Ministero dell'Ambiente per recuperare gli imballaggi di plastica (bottiglie) immessi sul mercato e diventati a fine ciclo rifiuti. Le finalità del Consorzio erano quelle di contrastare l'industria del vetro che in quegli anni sosteneva che le bottiglie di plastica inquinavano l'ambiente, mentre quelle in vetro, in quanto riciclabili all'infinito, no. È stata un'esperienza importantissima perché anticipava i tempi di quello che successivamente sarebbe avvenuto in Italia nel settore dei rifiuti. Il Replastic, in seguito al decreto Ronchi, è stato assorbito dal CONAI ed è diventato l'attuale COREPLA, cioè il consorzio di filiera della plastica. Contemporaneamente all'assorbimento del Replastic nel CONAI, Idealservice diventava il primo partner del CONAI stesso.

Con la nascita e la crescita del CONAI anche Idealservice si consolida come impresa: da semplice società di servizi, la cooperativa imbocca la strada della progettazione, costruzione e gestione di impianti complessi per la selezione dei rifiuti urbani.

Dal 1997, anno di entrata in vigore del decreto Ronchi, ad oggi, Idealservice ha selezionato milioni e milioni di tonnellate di rifiuti urbani e industriali suddivisi in carta, plastica, vetro e metalli, dando un notevole contributo all'industria della trasformazione per la creazione di nuove materie prime, utilizzate principalmente da industrie nazionali.

ANNI 2000

Il 2008 è soprattutto conosciuto per essere l’anno d’inizio dell’ultima crisi economica mondiale. Per Idealservice invece rappresenta l’anno in cui si è deciso di diventare player nazionale.

In particolare la Divisione Facility Management, con i servizi di pulizia e logistica in ambito sanitario civile ed industriale e la Divisione Servizi Ambientali con i servizi di raccolta differenziata, sviluppano esponenzialmente la propria attività consolidando la propria presenza in tutt’Italia.

A supporto di questa espansione è stato riorganizzato e potenziato tutto il sistema informativo aziendale con l’adozione di programmi gestionali avanzati in grado di decentrare le operatività e accentrare i controlli.

Idealservice oggi opera nei settori del Facility Management, dei Servizi Ambientali e nella gestione di Impianti di selezione rifiuti multimateriale. In questi ambiti rappresenta la principale realtà imprenditoriale del Nord Est e tra le più importanti d'Italia, capace di trasformarsi e innovarsi facendo leva sulle proprie competenze e professionalità.