Rifiuti zero è possibile

Il Movimento Legge Rifiuti Zero aveva annunciato con grande soddisfazione che a distanza di sedici mesi dal suo deposito alla Camera dei deputati la proposta di legge di iniziativa popolare n. 1647 "Legge Rifiuti Zero: per una vera società sostenibile" era stata incardinata ufficialmente presso la commissione ambiente della Camera dei deputati.

E dopo l'annuncio è seguito l’incontro tra la VIII Commissione Ambiente della Camera dei Deputati e la Delegazione nazionale della proposta di Legge Rifiuti Zero che si è svolto lo scorso 19 marzo. Nel comunicato stampa diffuso - scaricabile anche sul profilo facebook del Movimento - apprendiamo che ora   "Noi lavoreremo affinché il percorso parlamentare della proposta di legge possa favorire anche la modifica dell’art.35 dello “Sblocca Italia” e che possa influenzare positivamente il dibattito in corso al Senato sul “Collegato Ambientale della Legge di Stabilità 2014” su cui esprimiamo serie preoccupazioni".
Sul punto rimandiamo ad un interessante commento di Enzo Favoino.

Si tratta di un passo che consideriamo significativo perché crediamo che il concetto del rifiuto zero sia possibile e attuabile e rientri nella filosofia del miglioramento continuo. Il nostro auspicio è che il numero di comuni che adottando il metodo aumenti, non solo perché ce lo impone la legge ma perché questo percorso è uno stile di vita che significa modernità, maggior sostenibilità e rispetto per l'ambiente. Ma anche e soprattutto un miglioramento della qualità della nostra vita.

Ci piace, infine, ricordare qui di seguito, la filosofia dei Dieci passi verso Rifiuti Zero:

1. separazione alla fonte: organizzare la raccolta differenziata. La gestione dei rifiuti non e’ un problema tecnologico, ma organizzativo, dove il valore aggiunto non e’ quindi la tecnologia, ma il coinvolgimento della comunità chiamata a collaborare in un passaggio chiave per attuare la sostenibilità ambientale;

2. raccolta porta a porta: organizzare una raccolta differenziata “porta a porta”, che appare l’unico sistema efficace di RD in grado di raggiungere in poco tempo e su larga scala quote percentuali superiori al 70%. Quattro contenitori per organico, carta, multi materiale e residuo, il cui ritiro e’ previsto secondo un calendario settimanale prestabilito;

3. compostaggio: realizzazione di un impianto di compostaggio da prevedere prevalentemente in aree rurali e quindi vicine ai luoghi di utilizzo da parte degli agricoltori;

4. riciclaggio: realizzazione di piattaforme impiantistiche per il riciclaggio e il recupero dei materiali, finalizzato al reinserimento nella filiera produttiva;

5. riduzione dei rifiuti: diffusione del compostaggio domestico, sostituzione delle stoviglie e bottiglie in plastica, utilizzo dell’acqua del rubinetto (più sana e controllata di quella in bottiglia), utilizzo dei pannolini lavabili, acquisto alla spina di latte, bevande, detergenti, prodotti alimentari, sostituzione degli shoppers in plastica con sporte riutilizzabili;

6. riuso e riparazione: realizzazione di centri per la riparazione, il riuso e la decostruzione degli edifici, in cui beni durevoli, mobili, vestiti, infissi, sanitari, elettrodomestici, vengono riparati, riutilizzati e venduti. Questa tipologia di materiali, che costituisce circa il 3% del totale degli scarti, riveste però un grande valore economico, che può arricchire le imprese locali, con un’ottima resa occupazionale dimostrata da molte esperienze in Nord America e in Australia;

7. tariffazione puntuale: introduzione di sistemi di tariffazione che facciano pagare le utenze sulla base della produzione effettiva di rifiuti non riciclabili da raccogliere. Questo meccanismo premia il comportamento virtuoso dei cittadini e li incoraggia ad acquisti piu’ consapevoli;

8. recupero dei rifiuti: realizzazione di un impianto di recupero e selezione dei rifiuti, in modo da recuperare altri materiali riciclabili sfuggiti alla RD, impedire che rifiuti tossici possano essere inviati nella discarica pubblica transitoria e stabilizzare la frazione organica residua;

9. centro di ricerca e riprogettazione: chiusura del ciclo e analisi del residuo a valle di RD, recupero, riutilizzo, riparazione, riciclaggio, finalizzata alla riprogettazione industriale degli oggetti non riciclabili, e alla fornitura di un feedback alle imprese (realizzando la Responsabilità Estesa del Produttore) e alla promozione di buone pratiche di acquisto, produzione e consumo;

10. azzeramento rifiuti: raggiungimento entro il 2020 dell’azzeramento dei rifiuti, ricordando che la strategia Rifiuti Zero si situa oltre il riciclaggio. In questo modo Rifiuti Zero, innescato dal “trampolino” del porta a porta, diviene a sua volta “trampolino” per un vasto percorso di sostenibilità, che in modo concreto ci permette di mettere a segno scelte a difesa del pianeta.
Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Commenti
SCRIVI UN TUO COMMENTO

Ultimi post

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
logo malu web