Le prime 500 imprese del FVG: Idealservice tra le più dinamiche

È stata presentata in questi giorni Top 500, l’indagine annuale che traccia lo stato di salute del sistema produttivo del Friuli Venezia Giulia, attraverso l’analisi delle performance delle prime 500 aziende della regione.

Idealservice è anche quest’anno tra le prime 50 in termini di fatturato (collocandosi al 42° posto con oltre 140 Mln di Euro – dati 2017). Una posizione consolidata, confermata dal fatto che la cooperativa, la più grande della regione, chiude in attivo da molti anni. Tanto da farci annoverare tra quelle che i commentatori hanno chiamato “imprese tigre”.

La ricetta? Servizi sempre più efficienti e chiavi in mano e una visione votata alla sostenibilità ambientale che da quasi 30 anni guida le strategie dell’impresa, il tutto accompagnato da una politica di crescita e consolidamento fondata sull’accantonamento degli utili a riserva, una garanzia di qualità e affidabilità per tutti gli stakeholder dell’azienda.

Durante la presentazione dell’indagine si è inoltre parlato di rapporto tra impresa e territorio, di evoluzione legata al digitale, di innovazione, progettualità, formazione, di necessità di fare sistema e di essere parte di una strategia di respiro europeo. Temi da tempo attenzionati da Idealservice e connaturati alla forma cooperativa dell’impresa.

Tutto ciò, insieme ad altre due tendenze decisive, la terziarizzazione di alcuni settori dell’economia - con lo sviluppo del settore dei servizi - e la diffusione della cultura e delle produzioni ispirate all’economia circolare, ci porta a guardare con fiducia e convinzione al futuro, per continuare a fare sempre meglio in collaborazione con tutti i nostri partner.

Benvenuti al nord...

Arrivano e salutano allegramente. L’entusiasmo che traspare dal loro sguardo è coinvolgente e fa bene a tutti.

Di chi stiamo parlando? Di Carmelo e Pietro, capisquadra del servizio di sanificazione ospedaliera di alcune strutture dell’ASP di Messina, di recente entrati a far parte del gruppo Idealservice.

I “siciliani”, come sono stati simpaticamente ribattezzati qui in sede a Pasian di Prato, sono venuti in Friuli per qualche giorno, «per toccare con mano la realtà dell’azienda», spiegano loro con il sorriso.

Raccontateci qualche dettaglio in più: cosa avete fatto in questi giorni?

«Siamo andati in diversi cantieri della regione per vedere in maniera più approfondita l’applicazione del “sistema Idealservice”, dal punto di vista operativo, tecnico e gestionale». «Ci siamo cimentati nell’uso di macchinari complessi come le piattaforme e in operazioni specialistiche come la sanificazione delle sale operatorie, oltre che nell’utilizzo dei sistemi informatici aziendali per la gestione della commessa». «Abbiamo anche affinato la tecnica di sopralluogo in un’ottica di collaborazione con i colleghi commerciali». Parlano volentieri, ognuno con il desiderio di aggiungere un pezzo al puzzle della loro trasferta al nord.

Cosa è stato più difficile?

«Ci sono tematiche più o meno impegnative – risponde Carmelo – ma abbiamo molta voglia di imparare e questo rende tutto più facile». «In Idealservice – spiega infatti Pietro – siamo passati da addetti a caposquadra e per entrambi si tratta di una nuova esperienza e di una crescita professionale».

A proposito dell’inizio del servizio, come avete vissuto il cambio di appalto?

«Anche la gestione del cambio di appalto per noi è stata una novità. Gran merito va ad Alessandra e a Ornella*; noi poi c’abbiamo messo il massimo impegno per portare avanti il gran lavoro fatto» racconta Carmelo. Pietro annuisce e aggiunge: «Non è stato sempre semplice far recepire alle persone il cambiamento, per esempio di metodologia, ma l’efficacia del sistema Idealservice sta dando bei risultati, sia in termini di qualità del servizio che di organizzazione e ottimizzazione del lavoro».

Fa piacere vedere l’orgoglio con cui raccontano della soddisfazione mostrata dagli utenti dei “loro” ospedali o di quelle aiuole esterne e interne, realizzate con le proprie mani insieme agli altri colleghi e che hanno suscitato l’apprezzamento di tante persone.

Ringraziano per l’accoglienza ricevuta, ma anche noi ringraziamo loro: lo scambio di esperienze e il confronto arricchisce tutti.

E poi sì, lo ammettiamo, si finisce a parlare di cannoli siciliani e di frico friulano, ma questa è un’altra storia… (o forse no?)

* responsabili in Idealservice dell’avviamento dei nuovi cantiere (n.d.r.)

Votato all’unanimità il bilancio 2017

Ricerca e innovazione

Il tema del riciclo delle plastiche post-consumo si gioca anche sul terreno della ricerca scientifica e dell’innovazione tecnologica.

Con questa convinzione abbiamo partecipato recentemente a Futuro Remoto 2018, il festival della scienza di Napoli organizzato da Città della Scienza grazie anche al contributo delle università della regione, dei principali centri di ricerca nazionali e degli esperti del settore e quest’anno dedicato al “ri-generare”, al “mettere in circolo”.

Progettazione, innovazione dei processi e sviluppo tecnologico sono i temi affrontati nel workshop “Economia circolare nella filiera delle plastiche post-consumo tra criticità e opportunità”, durante il quale ci siamo confrontati con professori e ricercatori, trovando conferma dell’importanza di proseguire sulla strada dell’innovazione scientifica e tecnologica.

«Abbiamo bisogno di confronti continui per comprendere in modo completo come chiudere il cerchio -spiega Marco, uno dei nostri tecnici commerciali esperti nel riciclo delle plastiche miste - Da questo punto di vista, il coinvolgimento del mondo della ricerca e il dialogo interdisciplinare sono fondamentali per migliorare le prestazioni dei materiali provenienti dal post-consumo, cioè dalla raccolta differenziata che tutti noi cittadini facciamo ogni giorno. Importante è anche il coinvolgimento degli utilizzatori finali, i trasformatori - ricorda Marco - per arrivare a definire soluzioni di processo sempre più efficaci, che permettano un maggior utilizzo del materiale riciclato

Votato all’unanimità il bilancio 2017

Tecnologie pulite per le acciaierie: il progetto di Idealservice tra presente e futuro

La partecipazione come relatori a Clean Tech 4, la 4° conferenza europea sulle tecnologie pulite nell’industria siderurgica, è per noi l’ulteriore conferma che la strada imboccata è quella giusta.

L’evento, organizzato di recente a Bergamo dall’Associazione Italiana di Metallurgia (AIM) , ha rappresentato un importante momento di incontro e confronto a livello internazionale sui recenti sviluppi in materia di tecnologie pulite, efficienza energetica e riduzione delle emissioni di CO2, efficienza dei materiali, cicli di vita dei prodotti siderurgici, e ha coinvolto esperti delle aziende del settore, università e istituti di ricerca, società di consulenza, organizzazioni nazionali e internazionali legate all’acciaio e all’ambiente.

In tema di uso sostenibile delle risorse, i nostri tecnici hanno illustrato il processo di riciclo - adottato da Idealservice insieme a Corepla - attraverso cui le frazioni più complesse degli imballaggi in plastica post-consumo sono trasformate in S.R.A., impiegato come agente riducente negli altoforni delle acciaierie in sostituzione del carbone. I vantaggi? Sia economici, dovuti al minor uso di carbone, che ambientali, in particolare in termini di riduzione della CO2 emessa nel processo produttivo.

Ma non è tutto.

L’evento è stato infatti anche l’occasione per presentare i futuri sviluppi in questo campo, attraverso il progetto Polynspire1, finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del programma di innovazione e ricerca Horizon 2020 e volto a individuare una serie completa di soluzioni innovative, economicamente vantaggiose e sostenibili, al fine di migliorare l'efficienza energetica e la produttività dei processi di riciclo delle plastiche post-consumo e post-industriali. Si tratta di un progetto di respiro internazionale che vede la partecipazione di gruppi chimici, poli tecnologici, imprese del settore siderurgico, aziende di trasformazione delle materie plastiche e della gestione dei rifiuti, tra cui appunto Idealservice.

Una delle aree di ricerca del progetto riguarda la valorizzazione delle frazioni poliolefiniche post-consumo come fonte di carbonio anche nei processi di produzione ad arco elettrico, oltre che negli altoforni.

L’obiettivo, quindi, è quello di estendere la possibilità dell’uso dello SRA all’intera industria di produzione dell’acciaio.

1 https://www.plasteurope.com/news/PLASTICS_RECYCLING_t240855/

Votato all’unanimità il bilancio 2017

Fiera del lavoro 2018: ecco come è andata

La Fiera del lavoro? Una bella occasione di incontro e confronto, in un clima informale e di più ampio respiro rispetto alle situazioni classiche dei colloqui di lavoro, che ci ha permesso di approfondire competenze, interessi ma anche aspettative dei giovani rispetto al mercato del lavoro e alle aziende.

A conferma della validità dell’iniziativa, il buon afflusso di persone: le nostre responsabili delle risorse umane, sempre in cerca di nuovi talenti, hanno raccolto molte candidature che adesso sono in fase di valutazione. Soddisfazione anche per l’interesse mostrato dai partecipanti durante la presentazione dell’azienda, momento che ci ha consentito di raccontare il percorso di Idealservice e delle persone che vi lavorano e presentare i più recenti progetti di crescita e sviluppo.

Un grazie particolare ad ALIg e al suo presidente, il professore Marco Sartor.

Votato all’unanimità il bilancio 2017

Fiera del lavoro 2018: noi ci siamo…e voi?

Domanda e offerta si incontrano a teatro.
Succede a Udine, alla Fiera del Lavoro FVG, l’evento - ormai giunto alla 13esima edizione - organizzato da ALIG (l’Associazione dei Laureati in Ingenerai Gestionale dell’Università di Udine) in partnership con la Regione.
L’appuntamento è per sabato 24 novembre: nell’accogliente cornice del Teatro Nuovo Giovanni da Udine ci sarà anche Idealservice tra le 70 le società pronte ad incontrare nuovi futuri collaboratori, in un contesto ricco di eventi ogni anno più interessanti.

La nostra azienda è sempre in cerca di nuovi talenti per rispondere ad un mercato in continua evoluzione e in cui la specializzazione e la capacità di innovazione risultano fattori strategici di successo. Per questo, in un’ottica di confronto proficuo tra mondo imprenditoriale e sistema formativo del territorio, abbiamo avviato una collaborazione continua con l’Ateneo di Udine, di cui la Fiera rappresenta l’evento più noto.

Per saperne di più su Idealservice vi aspettiamo alla presentazione che si terrà alle ore 13.50 presso il Foyer e dalle 12.30 alle 16.30 presso lo stand 35 - 1°piano, dove il nostro personale sarà a disposizione per colloqui, confronti e approfondimenti.

Ricordiamo che la partecipazione è gratuita ma l’iscrizione è obbligatoria su www.alig.it

Votato all’unanimità il bilancio 2017

Ultimi post

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
logo malu web