Top 500 fvg 2016

Idealservice entra tra le prime 40 imprese del Friuli Venezia Giulia. È quanto emerge dall’ultima versione di Top 50 FVG, la classifica annuale stilata sulla base del fatturato relativo all’esercizio 2015. Più precisamente Idealservice si posiziona 39ma, a fronte del precedente 45° posto, con un aumento del fatturato da 106,9 a 121,3 milioni (+13,6%).

In termini generali dalla classifica Top 500 FVG emerge un moderato ottimismo, anche se la crescita complessiva delle imprese regionali segna un modesto +0,1%. Il 70% delle imprese infatti, segna un aumento dimensionale, nonostante il perdurare della crisi che limita la domanda interna e le congiunture internazionali poco favorevoli.

In merito a quest’ultimo punto infatti si rileva una flessione della capacità nell’export del sistema imprenditoriale regionale e si intravede qualche ulteriore preoccupazione l’annunciata svolta protezionistica di Donald Trump e lo sviluppo di un nuovo assetto tra USA e Russia. Molto probabilmente questi ed altri nuovi scenari politici internazionali obbligheranno le imprese legate alle esportazioni, perlomeno quelle più dinamiche, a modificare e loro strategie, auspicabilmente verso nuove alleanze strategiche e joint venture internazionali.

Ritornando all’analisi generale dei dati delle migliori imprese regionali, emerge mediamente un profilo aziendale adeguato a stare al passo con i tempi, di crescere e di migliorare le proprie prestazioni. Spicca tuttavia l’assenza di start-up, ovvero le imprese a forte crescita sviluppate attorno a progetti particolarmente innovativi: l’impresa media regionale pare al contrario piuttosto tradizionale e come tale bisognosa di strumenti di sostegno per il potenziamento e l'innovazione tecnologici.

Un altro fenomeno preoccupante che emerge dall’analisi dei bilanci delle aziende del Top500 FVG è che cresce il divario tra le migliori e quelle in fondo alla classifica, tendenza già emersa nelle precedenti rilevazioni annuali. Questo fenomeno sottende una lenta ma profonda trasformazione del tessuto imprenditoriale regionale e, più in generale, del Nord-Est, il cui modello, fatto di imprese medio-piccole, gestite con metodi tradizionali se non addirittura familiari, fortemente legate al territorio. In altre parole, pare che il “modello Nord-Est”, tanto decantato in passato, stia lentamente entrando in una crisi forse irreversibile, mentre avanzano quelle imprese più solide e strutturate che hanno saputo innovarsi in termini organizzativi e di managerialità.

Queste profonde trasformazioni richiamano le imprese, specie le maggiori - ed ancor di più il sistema pubblico - a diversi livelli di nuova responsabilità sociale: individuare, ciascuno per la propria parte ed il proprio ruolo, strategie di sviluppo che da una lato favoriscano la crescita di nuove culture e nuovi saperi aziendali per la ulteriore modernizzazione del sistema imprenditoriale regionale, ma dall’altro lato individuino nuove forme di legame azienda-territorio, elemento essenziale per una crescita sana e diffusa sull’intero tessuto economico e sociale regionale.

La responsabilità delle imprese leader è allora anche quella di proseguire nell’ottimizzazione delle proprie competenze e capacità divenendo modello, se non addirittura elemento di traino, delle realtà di minor dimensione che faticano, se lasciate da sole, a proseguire nel loro percorso di adeguamento alle mutate richieste dei mercati e dell’intera società. Il successo dei migliori deve quindi divenire il successo di un intero ecosistema territoriale.

Idealservice non intende ci certo sottrarsi a questo richiamo, nei suoi luoghi di origine come ovunque opera, sempre, per vocazione, a stretto contatto con i territori, le imprese e le istituzioni locali ed i cittadini.
Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Commenti
SCRIVI UN TUO COMMENTO

Ultimi post

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
logo malu web