Spending review boomerang?

I continui tagli alle pulizie negli ospedali sono un problema da non sottovalutare. Ad evidenziarlo, questa volta, sono gli addetti al servizio di pulizia e sanificazione delle strutture ospedaliere e sanitarie della provincia di Pordenone.

I lavoratori del comparto hanno recentemente scioperato per portare all'attenzione pubblica il problema delle continue riduzioni al servizio di pulizia imposte dalla Spending Review.

Le implicazioni sono molte perché, come hanno giustamente sottolineato i lavoratori, sostenuti dal sindacato, non si tratta solo di un peggioramento delle condizioni economiche del personale addetto, a causa della riduzione delle ore di lavoro e conseguentemente del salario, ma anche di un abbassamento dei livelli di servizio e di una minor sicurezza per tutti gli utenti.

La speranza è che la questione, ampiamente conosciuta tra gli addetti ai lavori, entri finalmente anche nel dibattito pubblico e ci si renda conto dell'importanza fondamentale che riveste il servizio di pulizia per la salute pubblica e in particolare per contrastare il problema delle infezioni ospedaliere.

Già un anno fa, infatti, una ricerca svolta dalla Fondazione per la Sussidiarietà in collaborazione con l'Università degli studi di Bergamo ha dimostrato in maniera scientifica la correlazione diretta tra diminuzione della spesa per i servizi di pulizia e l'aumento delle infezioni correlate all'assistenza.

Nella sua semplicità il concetto appare quasi banale: meno spese per la pulizia, più infezioni contratte in ospedale. E, come dimostrano i dati dell'Organizzazione Mondali della Sanità, di infezioni ospedaliere si muore. In Italia il 5-8% dei pazienti ricoverati contrae un'infezione ospedaliera, percentuale che si traduce in circa 450mila-700mila infezioni, con 4.500-7.500 decessi.

Volendo tralasciare la questione più importante, ovvero la Responsabilità verso i malati, gli utenti del servizio sanitario e i cittadini in generale, è evidente quindi che anche dal punto di vista economico non si tratta di una strategia lungimirante, in quanto l'aumento di infezioni causate anche da una scarsa igiene comporta un maggior numero di giornate di degenza, un aumento delle spese per farmaci, contenziosi con gli utenti, ecc. e in ultima analisi un aumento della Spesa Pubblica.

Siamo sicuri di voler continuare a risparmiare sulle pulizie?
Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Commenti
SCRIVI UN TUO COMMENTO

Ultimi post

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
logo malu web